Bolaffi, Giulio

http://dati.cdec.it/lod/shoah/person/IT-CDEC-EACCPF0001-000047 an entity of type: Person

Bolaffi, Giulio 
Archivio CDEC, Fondo antifascisti e partigiani ebrei in Italia 1922-1945, b. 3, fasc. 37 
Giulio Bolaffi, "Un partigiano ribelle. Dai diari di Aldo Laghi, comandante della Stellina 1944-45", D. Piazza, Torino 1995 
"Le formazioni GL nella Resistenza. Documenti", a cura di G. De Luna, P. Camilla, D. Cappelli, S. Vitali, Franco Angeli, Milano, 1985, pp. 401-402 
Giulio Bolaffi, "Partigiani in Val di Susa. I nove diari di Aldo Laghi", a cura di Chiara Colombini, Franco Angeli, Milano, 2014 
db antifascisti 
07/03/1902 
partigiano 
salvato 
Editore 
Alessandra Bolaffi 
Dante Bolaffi 
Roberto Bolaffi 
Alberto Bolaffi 
Stella Bolaffi 
Palmina Seghesio 
19020307 
19871028 
Torino 
 
Filatelico 
Alberto Bolaffi 
 
Foa 
Vittoria Foa 
Italiana 
Filatelico 
Giulio Bolaffi nasce a Torino il 7 marzo 1902, figlio di Alberto, di profession filatelico, e Vittoria Foa. Sposa Palmina Seghesio e ha due figli, Alberto e Stella. Nel 1940 il suo negozio viene chiuso e dopo l'8 settembre 1943 Giulio si rifugia in montagna dove prende parte alla lotta di liberazione prestando servizio nella IV Divisione Alpina GL "Stellina". Nel 1945 Giulio Bolaffi riapre il negozio filatelico di Torino e pubblica "La settimana nel mondo", primo settimanale di informazione del dopoguerra che include anche una rubrica filatelica Nel 1955 pubblica il primo Catalogo nazionale Bolaffi dei francobolli italiani e nel 1961 fonda la GBE (Giulio Bolaffi Editore). Nel 1962 pubblica il primo Catalogo Bolaffi d'arte moderna, nel 1964 apre la sede di Milano e nel 1967 quella di Roma. Nel 1973 esce il primo numero di Bolaffi Weekend, la prima rivista italiana dedicata al tempo libero Nel 1986 nasce il Collector Club, divisione della Bolaffi preposta alle vendite per corrispondenza; oggi conta una mailing di oltre 500 mila nominativi. Giulio Bolaffi muore a Torino il 28 ottobre 1987. 
Bolaffi 
Giulio 

data from the linked data cloud

DATA

Licensed under Creative Commons Attribution 3.0 International (CC BY 3.0)