Cevidalli, Bruno

http://dati.cdec.it/lod/shoah/person/IT-CDEC-EACCPF0001-000088 an entity of type: Person

Cevidalli, Bruno 
"Le formazioni GL nella Resistenza. Documenti", a cura di G. De Luna, P. Camilla, D. Cappelli, S. Vitali, Franco Angeli, Milano, 1985 
Archivio CDEC, Fondo antifascisti e partigiani ebrei in Italia 1922-1945, b. 4, fasc. 73 
http://www.unipd-org.it/ivsrec/documents/Giulia%20Simone_Gli%20studi%20di%20Ada%20Levi%20%282%29.pdf, [ultimo accesso 28 marzo 2017] 
Renzo Corsini, Vita da partigiano e soldato per “Mariolino” Innocenti, http://anpi.it/media/uploads/patria/2009/3/80-83_CORSINI.pdf [ultimo accesso, 14 marzo 2018] 
db antifascisti 
05/06/1914 
antifascista 
partigiano 
salvato 
Avvocato 
Anita Cevidalli 
Guido Cevidalli 
Lidia Cevidalli 
19140605 
Vittorio Veneto (Treviso) 
Laureato in Giurisprudenza 
Professore a Padova di Medicina legale 
Attilio Cevidalli 
Proprietaria delle filande a Cozzuolo (Vittorio Veneto). 
Gentili 
Ada Gentili 
Aziadè Gabai (sposata nel 1949) 
Docente universitario 
Bruno Cevidalli nasce a Cagliari il 5 giugno del 1914, figlio di Attilio ed Ada Gentili. A causa della sua attività antifascista nella primavera del 1942 viene internato nel Campo di Urbisaglia. Rilasciato dopo alcuni mesi, Bruno Cevidalli torna a Vittorio Veneto. Nel settembre del 1943 si reca ad Orsigna dove svolge attività antifascista insieme al fratello Guido; nel medesimo luogo si impegna anche ad aiutare i prigionieri inglesi fuggiti dai campi di concentramento. Nel gennaio del 1944 contribuisce alla lotta di liberazione organizzando a Pracchia le prime formazioni partigiane; nello stesso periodo aiuta i prigionieri inglesi ed americani ad arrivare nelle zone alleate. Anche Bruno Cevidalli vuole raggiungere le linee alleate: tuttavia viene scoperto ed arrestato dalla polizia fascista. Dal 24 aprile del 1944 è detenuto nelle arceri di Pistoia; riesce ad evadere nel giugno dello stesso anno grazie a contatticon alcuni partigiani. Viene nuovamente arrestato e portato dai tedeschi a lavorare sulla Linea Gotica; riesce ancora a scappare dopo poche settimane. Si rifugia sulle montagne pistoiesi e si dedica ad attività partigiana facendo parte della Brigata Garibaldi nella Brigata "Gino Bozzi", formazione "Cucciolo". Con l'arrivo degli Alleati nella zona di Pistoia, il 29 settembre 1944, Bruno Cevidalli assume l'incarico di ufficiale di collegamento dell'Esercito Italiano presso il Quartiere Generale della V Armata americana. Nell'ottobre del 1944 Bruno Cevidalli viene assegnato all'Ufficio Partigiano dell'Esercito alleato; il suo lavoro consiste nell'interrogare partigiani e civili che hanno raggiunto il fronte alleato. Lavora anche in stretta connessione con il PWB e l'OSS. Il 26 aprile del 1945 prende parte alla liberazione di Genova con la prima colonna alleata; nel giugno dello stesso anno Bruno Cevidalli è inviato a Milano come impiegato nell'ufficio di Pubbliche Relazioni e Stampa. Nello stesso periodo lascia l'esercito alleato.  
Cevidalli 
Bruno 

data from the linked data cloud

DATA

Licensed under Creative Commons Attribution 3.0 International (CC BY 3.0)